Luigi Ceccarelli

ceccarelliLC_Vimeo_logo LC_Youtube_logoLC_Soundcloud_logo LC_Flickr_logoLC_Facebook_logoHe is a co-founding member of the “Edison Studio” and  since the 1970s he has worked as a composer of music with live electronics. He is interested in all forms of sound, irrespective of genre, and in the relationships between music and the performing arts.

 His work as a composer has brought him international recognition (Bourges Festival Prizes, UBU Prize – given by Italian theatre critics, Ars Electronica – Linz, MESS Festival Prize in Sarajevo, Special Prize at the BITEF Festival in Belgrade, “Hear” Prize by Hungarian Television, Opus Prize” from the “Conseil de la Musique du Quebec”). His works have been chosen many times for performance at the International Computer Music Conference and

 he has written various works for radio produced by the Italian broadcaster RAI and he composed work for theatre with “Teatro delle Albe”, “Fanny & Alexander”, and work for dance with “Wee Dance Company” and Robyn Orlin.
 Luigi Ceccarelli has held the post of Professor of Electronic Music Conservatory of Music of Latina.

MORE

Recensioni CD – Exsultet

Dicano pure i commentatori più vari che questo dialogo tra il canto gregorianoe i suoni artificiali prodotti, manipolati, inglobati, messi in circolo dal computer è un’esperienza mistica del cinquantaduenne compositore riminese Luigi Ceccarelli (da molto tempo residente a Roma). Si tratta di un’esperienza spaziale, invece, di un’esperienza “aliena”. Un’esperienza di musica elettroacustica che in modo assai aperto, con un’attenzione e un’esperienza mirabili, viene compiuta in sintonia con le storiche musiche tecnologiche di un Maderna, per esempio (vedi Serenata per un satellite, 1969), e con le più recenti musiche ambient di un Brian Eno, sempre per esempio. Luigi Ceccarelli ha registrato meravigliosi canti gregoriani eseguiti da Giacomo Baroffio, Kim En Ju, i Kantores 96 e il coro Sorores, li ha trasformati con le sue macchine mantenendone il fascino, ed è partito per un laicissimo, commovente, esaltante, intimo viaggio nel cosmo.
(Mario Gamba – Il Manifesto, Alias 17 settembre 2005)

……….. Nel cuore dell’intervento di Ceccarelli scopriamo una “poetica della riverberazione”: una messa a fuoco delle microvariazioni timbriche che l’ambiente sacro (in Exsultet è l’Abbazia di Fossanova) conferisce alla voce e che normalmente sono troppo rapide per essere percepite. Il risultato – di ascolto impegnativo ma di indubbia carica mistica – ha il sapore, per nulla consolatorio, di un difficile viaggio nell’ignoto del cosmo, in direzione di Dio: tra lunghe note siderali, preghiere sussurrate e pulviscoli di vita quotidiana. Fondamentale il contributo di Giacomo Baroffio come esecutore e interlocutore privilegiato di Ceccarelli.
(m.r.z. – Amadeus, ottobre 2005)

Il cd ancora chiuso, già partono le domande: dove si incontrano il canto liturgico romano e l’elaborazione elettronica? Violenza o evoluzione? E’ questo il modo per ripensare il sacro nella musica?
Finalmente scorre il lettore alle velocità supersoniche del laser e l’elettronica governa riproduzione e composizione…….
Senza forzature gli occhi si chiudono (e non per letargo), la musica scorre come un massaggio e il giudizio critico fortunatamente si disperde.
Potrebbe finire qui la descrizione del geniale contributo di Luigi Ceccarelli all’elaborazione (mai terminata) del corpus cosiddetto “gregoriano”.
Ma ci sono le domande che tornano. E attendono risposta. Dove si incontrano il canto romano antico e l’elaborazione elettronica? Direi alla radice del suono.
La voce, in questo repertorio, cerca risonanze nelle fibre stesse dell’esecutore e poi si rifrange nelle acustiche segrete delle cattedrali. L’elettronica padroneggia la vibrazione e la “ri-crea”, selezionando e amplificano arbitrari aspetti di suono. Due vie annodate nell’elaborare gli elementi “primi” della musica. Violenza o evoluzione?
Franco Masotti, nelle note introduttive del disco, descrive “……l’evolversi dei brani a partire dalla destrutturazione sonora e timbrica del materiale di partenza, che viene frammentato e poi proiettato nello spazio d’ascolto, fisico e mentale, attuando nel contempo un lento ma inesorabile accumulo di energia sonora.” Ma cosa muteremmo in questa definizione se si riferisse, diciamo, alla messa Ecce ancilla Domini di Johannes Ockeghem o a qualcuno degli altri migliaia fra mottetti e messe composti in elaborazione contrappuntistica su temi gregoriani?
Si è così sommamente “violentato” tale repertorio per secoli, sul piano dei ritmi, delle sonorità, del rispetto testuale, del risultato armonico e dei timbri vocali che oggi l’operazione di Ceccarelli rischia di peccare per delicatezza: prolungamento delle risonanze e delle riverberazioni, deformazione timbrica per suggestione di armonici, espansione tibetana di questi “mantra occidentali”, sono elementi imparagonabili alle furiose sincopi trecentesche capaci di provocare addirittura una bolla papale di condanna!!!!
Insomma, potrebbe essere questo il modo per ripensare il sacro nella musica?
Non certo l’unico, ma uno dei più interessanti certamente sì. I confini della spiritualità sono sempre in gioco dialettico con quelli dell’esperienza e il polimorfismo del suono elettronico caratterizza, come pochi altri elementi, l’ambiente del nostro tempo. La voce conosce ormai quotidiane elaborazioni elettroniche e la musica (ancor più quella sacra) come può ritirarsi da tale confronto? Se conferma servisse, spicca la presenza di Giacomo Baroffio, ricercatore e custode del canto cristiano antico, qui compagno dell’avventura visionaria di Luigi Ceccarelli.
Carlo Boschi © Copyright 2004 – Biblio-net.com – 16 giugno 2005